Il Sole24Ore - Nòva 100

Derivati del Tesoro, la richiesta di trasparenza arriva a Strasburgo

L’estate scorsa, l’alta corte amministrativa aveva apprezzato il lavoro giornalistico ma aveva rigettato la mia richiesta di accesso ai derivati calpestando il diritto di cronaca e la libertà di informazione. Per questo, alcuni mesi fa, grazie al lavoro dell’amico e avvocato Ernesto Belisario e al sostegno di Diritto Di Sapere, ho presentato un ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo argomentando una violazione del diritto dei cittadini a conoscere ciò che li riguarda.
Nòva24 - Il Sole24Ore

Il dilemma dell’utente coinvolto contro il fake

“Se esiste una kriptonite contro le fake news è la trasparenza” ha spiegato il fondatore di Wikipeda, Jimmy Wales, annunciando il lancio di WikiTribune, la testata che punta a combinare il lavoro di una redazione di 10 giornalisti (per ora ne ha assunti quattro) con quello dei “citizen journalist” per fare “evidence based journalism”.  WT è un’impresa separata da Wikipedia e dalla Wikimedia Foundation, ma l’idea di Jimbo è integrare il metodo collaborativo che ha decretato il successo
LaStampa.it

Sette pubbliche amministrazioni su dieci sono “fuori legge” perché non danno ai cittadini l’accesso alle informazioni

Sette pubbliche amministrazioni italiane su dieci sono “fuori legge” perché non consentono ai cittadini di accedere alle informazioni: il 73% delle richieste inviate a ministeri, aziende sanitarie o comuni da una rete di associazioni non ha ricevuto alcuna risposta. Fino a pochi mesi fa il “silenzio amministrativo” era legittimo, ma dal dicembre 2016 è effettivamente fuori legge, grazie all’entrata in vigore del diritto di accesso alle informazioni, ribattezzato “Foia” in omaggio al...
Nòva 24 - Il Sole24Ore

Non di solo web vive il fake

Non tutte le fake news sono figlie della rete digitale. Anzi, le più micidiali nascono spesso al di fuori di essa e crescono spinte per ragioni molto analogiche. Un esempio allarmante è la vicenda giudiziaria di Ilaria Capua che la scienziata ed ex parlamentare racconta in “Io, trafficante di virus – Una storia di scienza e di amara giustizia” scritto a quattro mani con il giornalista Daniele Mont D’Arpizio. La fake news è già nel titolo di un racconto serratissimo.
Nòva 24 - Il Sole24Ore

Il fact-checking nasce sui banchi di scuola

«Ciò che rende la tua mente indipendente non è cosa pensi, ma come lo pensi», scriveva Christopher Hitchens nelle sue Lettere a un giovane ribelle. La necessità, soprattutto per i ragazzi di un pensiero razionale e sanamente scettico è probabilmente la cosa migliore che è emersa dal panico nato intorno alle “fake news” che hanno caratterizzato sia Brexit che le elezioni statunitensi e che si tema diventino il leit-motiv anche della prossima tornata di consultazioni europee.
Nova 24

La notizia smontata

“Papa Francesco ‘scomunica’ Donald Trump”. Per una volta i social network non hanno avuto colpa nel produrre la bufala anche se, per loro natura, l’hanno immediatamente amplificata. E non si tratta nemmeno di un artefatto di qualche ragazzino mago della tastiera. Per una volta, la responsabilità è a pochi passi da Città del Vaticano, in una redazione giornalistica che dovrebbe essere guardiana dell’attendibiltà che i nuovi media cercano di sottrarli.  La notizia viene smontata, non prima però di
Nova 24

Algoritmi aperti contro il fake

“L’automazione del factchecking è la vera fake news!” Non usa mezzi termini Walter Quattrociocchi, ricercatore e direttore del laboratorio di sociologia computazionale dell’Imt di Lucca. “Il problema non è solo tecnico – spiega Quattrociocchi che in questi giorni era a Davos proprio per partecipare a un gruppo di lavoro sulla qualità dell’informazione -, non abbiamo una griglia di verità che ci permetta di verificare le preposizioni attraverso algoritmi ma è soprattutto che, come dimostrano ...
Load More Articles